I libri preferiti dei nostri lettori: Muses!

Quali sono i vostri romanzi preferiti? Ce ne parlano le nostre ospiti in questa nuova rubrica dedicata ai lettori!

La volta scorsa abbiamo parlato di GARDEN – Il giardino alla fine del mondo. Oggi invece è il turno di Luna, blogger di È scrivere, che ha preparato un bellissimo articolo su MUSES!

“Muses è un romanzo di Francesco Falconi. Viene classificato come Urban Fantasy, ma a mio parere è molto più di questo.

I personaggi, in particolar modo la protagonista, sono caratterizzati alla perfezione. Il senso di disagio, la voglia di ribellione, la paura di Alice emergono in maniera netta, arrivando dritti al cuore di chi legge e fatica a staccarsi dalle pagine.

Alice è una ragazza dotata di un talento straordinario, ha una voce che tocca il cuore ed è un’abile violinista. Ha vissuto un’esistenza sempre in bilico fra la vita e la morte: un padre alcolizzato e violento, una madre succube e incapace di ribellarsi al marito, cattive compagnie, droga, alcol, furti. Una ragazza segnata nel corpo tanto quanto nello spirito, che si nasconde dietro il trucco pesante, i piercing, i tatuaggi e l’aria da dura, per non mostrare al mondo quanto in realtà sia fragile.

In seguito a un incidente stradale, la vita di Alice cambia. La ragazza scopre di essere stata adottata e finisce a Londra per rintracciare la zia, unica parente rimasta in vita. Il viaggio sarà un percorso spirituale tanto quanto fisico. La giovane Alice scoprirà infatti di essere la reincarnazione moderna di una delle nove Muse e di possedere un dono che fa gola a molti: la capacità di piegare la volontà degli uomini usando la Voce.
Ed è proprio Alice a fare la differenza in questo romanzo, a distinguerlo dagli altri Urban Fantasy.

La sua caratterizzazione e la psicologia che è alla base di questo romanzo lo elevano a un livello superiore e fa sì che il libro si possa apprezzare non solo dal punto di vista della fantasia, ma anche sociale. Una protagonista vera, con alti e bassi come capita a tutti nella vita e con una tenacia tale da arrivare al lettore e rimanere impressa anche a lettura terminata.

Una trama ricca di colpi di scena e un finale toccante concludono in bellezza il romanzo, che si dimostra essere un elegante mix fra realtà e fantasia, una miscela convincente di mitologia e quotidianità che non posso che consigliare.”

I libri preferiti dei nostri lettori: Garden!

Pochi giorni fa abbiamo chiesto sulla fan page di Chrysalide quali fossero i libri preferiti della nostra collana. Ebbene, sull’onda dell’entusiasmo dimostrato da voi lettori (più di cinquanta commenti, grazie!) abbiamo deciso di ospitare chiunque abbia voglia di approfondire l’argomento e dire la sua sul romanzo più amato!

Come da tradizione, tutti gli articoli verranno raccolti nella sezione Fangarden del blog.

Ospiteremo un paio di lettori al mese. Obiettivo: divertirci, confrontarci e, perché no, darci la possibilità di conoscervi ancora più a fondo, certi della passione per la lettura che ci unisce!

Oggi è il turno di Viola Lodato (scrive su Take The Time and Carry On e per il sito Scrittevolmente), con un libro che molti di voi conoscono come il primo distopico a firma italiana di Chrysalide: GARDEN, di Emma Romero!

 

“Ho visto Garden per la prima volta tra gli scaffali dello stand Mondadori al Salone del Libro di Torino. Il vederlo presentato come l’Hunger Games italiano mi portava a temere di trovarmi tra le mani una copia mal riuscita, visto che di distopici ne ho letti e alcuni mi hanno ricordato troppo la serie della Collins. Ma complici la curiosità e l’amore per la saga, ho ceduto e l’ho comprato.

Ho fatto benissimo. Ho letto Garden nel giro di qualche ora, perché una volta iniziato non sono riuscita a staccarmene.

Il romanzo affronta temi molto diversi da quelli della saga di HG, primo tra tutti uno a me molto caro: la creatività nei regimi totalitari. In Garden vediamo come ogni passione creativa debba essere vietata – tranne a coloro che vengono scelti come Artisti – per rendere gli individui simili ad automi senza la possibilità non solo di scegliere il proprio lavoro e di conseguenza la propria vita, ma anche senza il poter coltivare i propri sogni.

L’ambientazione del romanzo della Romero è estremamente diversa da quella di Hunger Games, mi ha ricordato 1984 di Orwell per via del controllo a cui sono sottoposti i cittadini e anche per la figura ricorrente del Presidente che appare a ogni angolo e per i saluti, i motti, le notizie ripetute ovunque per mostrare che il Governo è buono. Maite è una ragazzina che adora il canto, ma invece di diventare un’Artista è stata costretta a lavorare in fabbrica. Nonostante sia vietato, però, lei non smette di cantare di nascosto, perché è l’unico modo per rendere più sopportabile la sua esistenza.

L’ho trovato un personaggio molto credibile, perché così come io troverei impensabile vivere senza scrittura, lei non può fare a meno di coltivare in segreto la propria passione, nonostante i rischi.Può sembrare che la storia parta su una base poco credibile, ovvero il ritardo di ben due personaggi, ma in realtà viene spiegato tutto in seguito e si spiegano dei fatti che altrimenti apparirebbero forzati.

Ho trovato molto validi anche i personaggi secondari, Einar più di chiunque altro, nonostante rispetto ad altri personaggi compaia relativamente poco.

In definitiva, consiglierei Garden (e lo consiglierò): è un romanzo valido che non ha niente da invidiare a tutti i distopici per young adults di autori d’oltreoceano che ultimamente ogni casa editrice sta proponendo.”

Prossimo appuntamento: giovedì 13 giugno!

 

Perdersi per amore si può. Ce lo racconta Donatella Perullo

Lunedì 22 ottobre abbiamo lanciato un contest su Facebook legato a Shadowhunters – Città delle anime perdute, quinto volume della serie che ha reso Cassandra Clare una delle autrici urban fantasy più amate al mondo.

Lilith, la madre di tutti i demoni, è stata finalmente distrutta, ma quando i cacciatori sono sul punto di liberare Jace, Clary scopre che lui non è più la persona di cui si era innamorata.

Abbiamo chiesto alle lettrici: vi è mai capitato di non riuscire più a riconoscere la persona amata? Come avete reagito? Pubblichiamo con entusiasmo la risposta di Donatella Perullo, vincitrice del contest:

Amiamo amandoci. Eppure proprio per amore c’è chi si può perdere, dimenticando se stessi. È possibile trascurare la propria individualità per rincorrere l’affetto e la ricerca di tenerezza in una vita di coppia. Si finisce col mettere in primo piano le esigenze dell’altro, i suoi desideri, le sue priorità tralasciando le proprie e perdendo il rispetto per i propri sogni. Due sono le vie: lasciarsi andare e annullarsi per vivere nell’ombra di un amore frustrante o riprendere in mano le redini del proprio modo d’essere e guardarsi finalmente allo specchio senza più chiedersi chi sia quell’estraneo che ci fissa… Io ho scelto la seconda via. Ho scelto di riconoscermi.

Siete d’accordo? Potete leggere tutti i commenti direttamente nella nota del contest, al link: Vi è mai capitato di non riconoscere più la persona amata? Il commento più bello sul blog di Chrysalide!

Volevate rispondere e non avete fatto in tempo? Fatelo ora!

Doppia uscita: Balthazar e Città delle anime perdute

Escono oggi i nuovi libri di due tra le saghe più amate dai lettori e dalle lettrici di Chrysalide: EVERNIGHT, di Claudia Gray, e SHADOWHUNTERS, di Cassandra Clare.

 

BALTHAZAR, di Claudia Gray

Suspence, passioni proibite e oscuri misteri: uno dei personaggi della serie Evernight torna da protagonista d’eccezione in una storia che stregherà i lettori.

Quando viene assunto come professore di storia in un liceo, il vampiro Balthazar ignora il pericolo in agguato, sa solo che vicino alla bella Skye, per la prima volta dopo quattrocento anni di solitudine, riesce a sentirsi vivo. Il sangue di Skye, infatti, è una vera e propria droga per i vampiri, li fa tornare indietro nel tempo, a quando erano ancora esseri umani, e per questo anche Redgrave, il vampiro che sterminò la famiglia di Balthazar e lo condannò all’infelicità eterna, è sulle sue tracce.

Balthazar è disposto a tutto per vendicarsi del suo nemico, e mentre tenta di proteggere Skye, finisce per innamorarsene.

 

L’AUTRICE

Claudia Gray è lo pseudonimo di Amy Vincent, autrice dalle molteplici esperienze. Per creare l’universo della serie Evernight si è ispirata alle sue passioni: i classici del cinema, lo stile vintage e la storia.

 

Claudia Gray, Balthazar, pagine 336, prezzo 17,00 euro

 

CITTÀ DELLE ANIME PERDUTE, di Cassandra Clare

Il quinto volume della serie che ha reso Cassandra Clare una delle autrici urban fantasy più amate nel mondo. Solo negli Stati Uniti ha venduto 3 milioni di copie ed è entrata nella classifica dei New York Times Bestsellers.

Lilith, madre di tutti i demoni, è stata distrutta ma quando gli Shadowhunters arrivano a liberare Jace, che lei teneva prigioniero, scoprono che è scomparso, ed è sparito anche il figlio di Valentine, Sebastian. Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters. Ben presto, Clary ritrova Jace ma scopre che non è più la persona di cui si era innamorata: in punto di morte Lilith lo ha legato per sempre a Sebastian, rendendolo un fedele servitore di Valentine. Purtroppo non è possibile uccidere uno, senza ferire anche l’altro. A chi spetterà il compito di preservare il futuro degli Shadowhunters, ora che Clary sprofonda in un’oscura furia che mira a scongiurare a ogni costo la morte di Jace?

 

L’AUTRICE

Cassandra Clare è nata a Teheran e ha vissuto i primi anni della sua vita in giro per il mondo con la famiglia. Dopo aver lavorato come giornalista tra Los Angeles e New York, ora si è fermata a Brooklyn, dove scrive i suoi libri nei caffé e nei ristoranti perché a casa si distrae.

 

Cassandra Clare, Città delle anime perdute, pagine 552, prezzo 17,00 euro

 

Non perdetevi il contest sulla fan page di Facebook Chrysalide per ricevere una copia di Balthazar o di Città delle anime perdute. Avete tempo fino a martedì 23!

Un Bacio dagli Abissi: fantasy in metamorfosi

Stanche delle sirenette in stile Walt Disney? Be’, non posso darvi torto. Quando penso alle sirene, mi vengono in mente quelle dell’Odissea: donne bellissime e ammaliatrici (non proprio simpatiche come Ariel, okay!) che dagli scogli attirano con il loro canto le navi degli esploratori ingenui. Bene, Anne Brown deve pensarla così, perché questo libro si allontana dal mondo delle fiabe per avvicinarsi quasi a un giallo o a un thriller paranormal. Si tratta di una storia cupa, un po’ malinconica, ma anche romantica. Un fantasy in metamorfosi, nel quale Anne ha avuto il coraggio di sperimentare. Le sirene uccidono gli esseri umani per ottenere le loro emozioni. Ma cosa succede quando un tritone si innamora di una di loro?

Il protagonista, Calder, è un ragazzo misterioso e un po’ ribelle appartenente a una stirpe di sirene che si nutrono delle emozioni umane per sopravvivere. È stanco di essere un assassino, ma un patto con le sue sorelle adottive lo spinge a emergere dall’acqua per vendicarsi di Jason Hancock, il figlio dell’uomo che ha causato la morte della loro madre. Peccato che Hancock abbia una figlia, Lily, che il ragazzo deve sedurre per avvicinarsi al suo obiettivo senza dare nell’occhio. Calder è abituato ad ammaliare le ragazze, ma scopre che con Lily è impossibile, perché il suo fascino non ha potere su di lei. È una ragazza molto speciale: si veste con abiti retrò, ha un volume di poesie dal quale non si separa mai e, soprattutto, prima di dargli confidenza lo costringe a passare molte giornate insieme. Così, proprio mentre Lily comincia a capire che le leggende dei Grandi Laghi hanno un fondo di verità e le acque profonde potrebbero riservare pericoli mostruosi, Calder si innamora perdutamente di lei. Ma le sue sorelle sono in agguato.

Vi piace? Io lo trovo originale. È un romanzo ricco di avventura, poesia e suspence dall’inizio alla fine. Consigliatissimo per chi ha nostalgia del mare!

Ah, ne approfitto per segnalarvi qualche link!

Il sito ufficiale di Anne Greenwood Brown: Anne Greenwood Brown

La fan page dell’autrice su Facebook: Anne Greenwood Brown

Libri, i consigli di Chrysalide!

Le vostre vacanze sono finite o devono ancora cominciare?

Questo post è dedicato a chi è già rientrato dalle ferie e cerca consolazione ma anche a chi invece è in partenza, valigia mezza fatta e voglia di riposo: questo post è per tutti quelli che amano leggere! Continua a leggere

Le vacanze e i libri di Chrysalide!

Siete già in vacanza? State per partire? Quest’estate vogliamo augurarvi buon viaggio direttamente con le parole degli autori italiani Chrysalide, ai quali abbiamo chiesto dove passeranno le vacanze e quali libri metteranno in valigia.

Vediamo cosa ci hanno risposto!

 

Continua a leggere

Biancaneve e il cacciatore, favola o realtà?

Biancaneve, il cacciatore e la Regina Ravenna sono i protagonisti dell’estate: un libro con il quale sognare sotto l’ombrellone, un film da guardare ad occhi ben aperti e anche qualche gossip sull’attrice protagonista!

Ma torniamo al libro e andiamo a scoprire qualche recensione scritta dai blogger che lo hanno letto.

Su Leggere Fantastico Francy  ci svela il suo pensiero sul ruolo di Ravenna:

In questa rivisitazione, possiamo approfondire aspetti che solitamente non abbiamo mai compreso della regina cattiva. Aspetti che hanno poi portato Ravenna ad essere quella che noi tutti conosciamo. Perfida, senza cuore ed ossessionata dalla ricerca della bellezza eterna.

Continua a leggere

Muses presenta Netface!

Muses e Francesco Falconi non finiscono di stupirci con le loro sorprese e iniziative! Da venerdì scorso, infatti, è attiva la pagina Facebook dedicata all’iniziativa fan fiction in onore di Muses e in attesa del suo seguito.

Netface è un progetto che chiede a tutti gli amanti di Muses di partecipare e scrivere un racconto di 5 mila battute ispirate al primo romanzo: fino al 1 ottobre 2012 sarà possibile inviare i propri scritti caricando sul gruppo i files che verranno sottoposti all’attenzione di una giuria eccezionale!

Il premio? Il vincitore verrà pubblicato in appendice al secondo romanzo di Falconi, in uscita nella primavera del 2013, avendo un’occasione unica per dimostrare il proprio talento. Continua a leggere