Com’è la vostra scuola? Esprimetelo con un racconto, una foto, un video o un disegno per ricevere Siamo ancora tutti vivi di Giulia Blasi!

“Com’è la vostra scuola? La mia, quando avevo l’età per andarci (sembra il Giurassico, ma erano solo gli anni ’80) era un edificio di ispirazione fascista che conteneva, oltre al mio Liceo (per i primi anni della mia permanenza anonimo, in seguito ribattezzato “Giacomo Leopardi”, perché eravamo tanto originali), la scuola media “Guido Monti”, che ho frequentato, e l’Istituto Professionale di Stato, dai cui studenti la scuola ci teneva ampiamente alla larga per questioni, sospetto, di classismo. All’epoca non ci mancava niente se non la palestra: per fare educazione fisica dovevamo andare a piedi fino al Palazzetto dello Sport. Erano altri tempi, era la scuola della Riforma Gentile, risalente appunto al fascismo – non sono così vecchia, eppure è così – e non quella della Riforma Gelmini, che tutti voi conoscete fin troppo bene.

Della mia scuola, complice l’assenza di fotocamere digitali, conservo giusto una manciata di foto di gruppo in cui compaio in vari stati di occhiali e permanente gravissima. Quello che mi piacerebbe – ci piacerebbe, piacerebbe a tutti – sarebbe vedere le vostre. Il libro che ho scritto, Siamo ancora tutti vivi, nasce da una visita a una scuola vera che si è trovata in una vera situazione di emergenza: la mia vicinanza con l’energia e la rabbia dei suoi studenti ha generato il desiderio di raccontare qualcosa che potesse anche solo in parte riprodurre quei sentimenti, e nel farlo parlare con la voce di chi vede sacrificato un diritto, un bene primario, all’idea che quel diritto sia solo un costo e non un investimento.

Ci piacerebbe scoprire, attraverso foto, video, disegni e racconti, come vi arrangiate per far funzionare le cose, quello che funziona, come vivete la vita dentro la scuola ogni giorno. Fatecelo sapere, manifestatevi, date segni di vita da un mondo di cui ci si occupa solo quando crolla un tetto o si scende tutti in piazza bloccando le tangenziali (sì, ci sono stata, a spasso sulla Tangenziale Est di Roma con gli studenti: è stato meraviglioso). Fateci vedere cosa vedete voi. Siamo curiosi, vogliamo sapere.”

Giulia Blasi

COME PARTECIPARE

Per partecipare all’iniziativa occorre:

Taggando la pagina Facebook di CHRYSALIDE oppure su Twitter con #siamoancoratuttivivi, pubblicare tra il primo di febbraio e la mezzanotte del 12 febbraio 2013 una foto, un video, un disegno, un racconto, uno scritto o un’altra produzione artistica a scelta legata al tema dell’iniziativa e con Siamo ancora tutti vivi come titolo della creazione*

Si può inviare una sola creazione a testa*

Chi sceglie i cinque vincitori:

1° e 2° classificato: saranno scelti dalla redazione di Mondadori Chrysalide, con il contributo dell’autrice di “Siamo ancora tutti vivi” Giulia Blasi;

3°, 4° e 5° classificato: saranno scelti dai fan della pagina Facebook di Chrysalide. Vincono le produzioni che hanno ottenuto più “Mi piace”.

N. B.: la redazione si riserva il diritto di rimuovere le produzioni non rispondenti al regolamento del sito o al tema dell’iniziativa

In regalo:

Ogni vincitore si aggiudicherà una copia di Siamo ancora tutti vivi, per un totale di 5 copie in tutto. I nomi dei vincitori, con le loro rispettive creazioni, verranno pubblicati sulla pagina di Chrysalide nei giorni successivi alla scadenza dell’iniziativa. Entro il 15 febbraio i vincitori dovranno mandare una mail a weblibri@mondadori.it specificando i recapiti a cui inviare il libro. Se entro questa data non sarà pervenuta la suddetta si procederà alla scelta di un nuovo vincitore.

Periodo: 1 febbraio – 12 febbraio 2013

AVETE TEMPO FINO ALLA MEZZANOTTE DEL 12 FEBBRAIO 2013
BUONA FORTUNA A TUTTI!

* ATTENZIONE: le foto non devono contenere immagini di persone riconoscibili, di minori, di marchi, insegne e/o altri soggetti/oggetti di proprietà di terzi né essere lesive dell’onore e della reputazione di alcuno, né contrarie alla morale e al buon costume. Il partecipante all’iniziativa si assume ogni responsabilità in ordine alla creazione fotografica che pubblica per partecipare.

I video devono avere una durata massima di 1 minuto e 30 secondi, possono contenere dettagli di persone (mani, capelli, persone in assoluta controluce), ma gli individui non devono poter essere in alcun modo identificati (no a primi piani, ma anche a figure intere in cui il volto sia distinguibile e soprattutto alle foto di minori) no a immagini lesive dell’onore e della reputazione di alcuno, né contrarie alla morale e al buon costume. Il partecipante all’iniziativa si assume ogni responsabilità in ordine alla creazione video che pubblica per partecipare.

I racconti non devono superare le 300 parole, devono essere di propria creazione e non lesive dell’onore e della reputazione di alcuno, né contrarie alla morale e al buon costume. Il partecipante all’iniziativa si assume ogni responsabilità in ordine alla creazione che pubblica per partecipare.

I disegni e le altre produzioni devono essere di propria creazione e non lesive dell’onore e della reputazione di alcuno, né contrarie alla morale e al buon costume. Il partecipante all’iniziativa si assume ogni responsabilità in ordine alla creazione che pubblica per partecipare.

Le novità del 2013: tra studenti, streghe, vampiri e Multiversi!

Il 2013 prosegue in grande stile per Chrysalide. Dopo il romanzo realistico di Giulia Blasi Siamo ancora tutti vivi, uscito in tutte le librerie il 15 gennaio e ora disponibile anche in digitale, è il turno di due nuove pubblicazioni: Striges – La promessa immortale, primo titolo di una saga paranormal romance incentrata su streghe e inquisitori a firma della super gotica Barbara Baraldi, e il volume completo Evernight – La saga (Claudia Gray), che racchiude i primi tre episodi Evernight, Stargazer e Hourglass.

Ma le sorprese non finiscono qui: oggi infatti approda in Spagna Multiversum – o sarebbe meglio dire Multiverso! –, l’urban fantasy di Leonardo Patrignani pronto a visitare tanti Paesi quanto i  Multiversi, mentre Fantasy Magazine ha già pubblicato in anteprima la cover e le prime pagine del secondo volume Memoria.

Come? Dite che non è abbastanza? Allora continuate a seguirci!