Hunger Games, le vostre recensioni!

In occasione dell’uscita del film, avevamo lanciato un contest su twitter: chi prima rispondeva vinceva i biglietti per The Hunger Games.

E’ così che Laura e Fabiana si sono aggiudicate due posti al cinema e ora ci racconteranno la loro serata!

Ascoltiamo le loro impressioni!

Laura

Non avendo letto il libro, sono andata a vedere il film “The Hunger Games” piuttosto curiosa.

Il film ha ottimi attori, la storia è ben spiegata e anche se non si è riusciti a leggere il libro prima di entrare in sala non si fa fatica né a seguire la trama né ad appassionarsi alla storia.

Il regista ha saputo alternare momenti di azione ad altri in cui venivano spiegate le dinamiche dietro ai Giochi e al perché di tanto orrore.In generale, il commento non può che essere positivo.

L’unica nota: un po’ troppo spazio lasciato alla handy-cam; se da una parte rievoca il POV della protagonista, dall’altra, a lungo andare, finisce per confondere e stufare lo spettatore.Un voto complessivo di 4/5.

Fabiana

Tratto dal meraviglioso romanzo di Suzanne Collins, The Hunger Games é la migliore trasposizione da libro a film che io abbia visto negli ultimi anni (pur essendo una potterhead dichiarata).

Benché esso possa sembrare lento all’inizio, il ritmo e l’uso di inquadrature “manuali” aiutano ad entrare in perfetta sintonia con Katniss e l’atmosfera del  distretto 12. Distretto poi? Sembra quasi un villaggio medievale e se non fosse per le guardie con le pistole saremmo sicuri di essere nel passato. Inoltre l’idea di andare a caccia, sembra così lontana dalla nostra realtà che ci mettiamo un po’ a trovare il nostro posto all’interno della storia e ci ritroviamo molto nei discorsi di Gale che sogna di cambiare le cose. Dalla Mietitura in poi, tutto cambia. Ci rendiamo conto di cosa vuol dire essere estratti, di cosa si rischia e di cosa si può perdere. Da quel momento il film inizia davvero e si piange, si urla e ci s’irrigidisce sui sedili. L’espressione smarrita e confusa di Katniss una volta salita sul palco al posto di Prim trasmette la forza di questo personaggio che non si abbandona al pianto trattenendo tutto dentro. Eccola la nostra eroina, una ragazza cresciuta troppo in fretta e che a 16 anni è già una combattente. Le scene che si susseguono subito dopo la Mietitura, il viaggio e l’arrivo alla Capitol, ci permettono di conoscere un altro personaggio, Peeta, che fino a pochi minuti prima era un perfetto sconosciuto. E in un attimo ecco la parata, i mantelli in fiamme, la sala degli allenamenti, le interviste con Caesar e la grande rivelazione. L’attesa per i giochi si fa a poco a poco insostenibile, il legame fra i protagonisti pian piano più forte e nessuno respira quando il countdown inizia..3, 2, 1.

Smetto altrimenti rischio di svelare troppo! Da lettrice accanita ho assolutamente adorato questo film in tutti i suoi aspetti, partendo dalla scelta magistrale del cast. Jennifer Lawrence è meravigliosa, finalmente un’attrice con un fisico sano atletico e bellissimo, che è in grado di essere Katniss Everdeen cogliendo tutti i suoi aspetti, riprendendo in ogni espressione, gesto e frase, qualche particolare che altrimenti conoscerebbero solo i devoti lettori della trilogia. Se Jennifer é la perfetta Katniss poi, nessuno avrebbe potuto interpretare Peeta meglio di Josh Hutcherson. Egli é esattamente come la Collins lo descrive, bello, buono, con degli occhi così profondi che basta uno sguardo per capire che lui non sarà mai “another piece in their games”. Gale invece non è male, mi dispiace solo che la sua relazione con Katniss non sia stata granché resa, così come lo sconforto di Peeta alla fine nel realizzare che per Katniss era tutto per la maggior parte finzione. Lenny Craviz e la piccola Amandla (Rue) erano perfetti, una performance a dir poco mozzafiato. Per non parlare di Stanley Tucci che sa decisamente come indossare una parrucca blu! Ovviamente un round of applause per Woody Harrelson che è riuscito a impersonare Haymitch in ogni sua sfaccettatura!

Personalmente ho adorato anche Donald Sutherland (aka President Snow) che in una sola scena è riuscito a riassumere l’importanza della speranza, il ruolo che Katniss avrà in futuro e che, con la sua espressione d’odio mentre lascia la sala negli ultimi secondi del film ci assicura che i giochi non sono finiti.

Gli spunti di riflessione che offre un film del genere sono infiniti; essendolo andata a rivedere con un gruppo di ragazzi e adulti poi, posso solo dire che le discussioni sono andate avanti fino all’una. Non vedo assolutamente l’ora di vedere Catching Fire e Mockingjay che non ho dubbi saranno altrettanto meravigliosi.

Dire che ho adorato questo film è assolutamente riduttivo. Sono davvero troppo contenta di aver avuto  la possibilità di andare a vederlo in anteprima! Grazie Chrysalide! E grazie Gary Ross!

 

Cosa ne pensate? Laura e Fabiana si sono divertite moltissimo, correte al cinema anche voi e poi raccontateci la vostra esperienza!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>