Cinder, le favole di ieri, vissute oggi

I sogni dei bambini sono fatti di giocattoli, zucchero filato e fiabe: il mondo letterario e quello del cinema, quindi, spingono sul tasto delle favole classiche perchè sanno di coinvolgere tutti, al di là dell’età.

Ciclicamente queste storie vengono riproposte e reinventate, modificando il finale, cambiando i personaggi, aggiungendo fantasia a questi racconti che da sempre fanno parte dell’immaginario e dei desideri.

Primo tra tutti “Peter Pan”: “Hook”, di Steven Spielberg e “Petern Pan” di Hogan hanno dimostrato che l’interesse del pubblico era molto alto; “Alice nel paese delle Meraviglie”, ad esempio, vanta decine di arraggiamenti, da cartone animato a serie tv, da film d’azione a pellicola visionaria dell’ultimo “Alice in Wonderland” di Tim Burton. Così come “La bella e la bestia”, che ha moltissime rivisitazioni soprattutto nelle diverse edizioni stampate, ma anche al cinema è presente in molte versioni, l’ultima delle quali del 2011, “Beastly”, con una storia più moderna e giovanile.

Per quanto riguarda “Biancaneve”, invece, avremo la possibilità di vedere ben due rivisitazioni proprio nei prossimi mesi: la prima, “I Fratelli Grimm: Biancaneve”, con Julia Roberts nei panni della regina cattiva e la promessa di un finale inedito e un taglio più moderno, al cinema dal 4 aprile. L’altra, in uscita l’11 luglio 2012, sarà “Biancaneve e il cacciatore”: il film, in chiave fantasy live action, sarà incentrato sulla ribellione del cacciatore all’ordine di uccidere Biancaneve e sul suo diventarle mentore, insegnandole a combattere in un’ambientazione epica.

Cappuccetto Rosso, che nell’ultima versione cinematografica appare in versione horror gotico con “Cappuccetto rosso sangue”, tratto dall’omonimo libro di Sarah Blakley-Cartwright pubblicato da Mondadori, ha molti adattamenti e altrettante interpretazioni, con analisi tra le più disparate.

E poi ancora “La bella addormentata”, “Hansel e Gretel”, “La sirenetta”, “Pinocchio”, ognuna di queste fiabe ha avuto nuova vita nelle diverse rappresentazioni e rivisitazioni letterarie e cinematografiche.

In questo ampio panorama, quindi, Cinder si colloca tra le centinaia di versioni della fiaba di “Cenerentola” dando un sapore futuristico a una storia del passato, rivedendo alcuni passaggi chiave della storia originale con trovate brillanti e inaspettati colpi di scena.

Perché le storie hanno bisogno di essere raccontate mille e mille volte? E soprattutto perché non ci stanchiamo di leggerle?

 

Souce Image: http://www.adiantum.it/

3 pensieri su “Cinder, le favole di ieri, vissute oggi

  1. Semplicemente perchè nonostante tutto, in questo nostro mondo cinico e violento, abbiamo ancora bisogno di sognare, soprattutto ognuno di noi è alla ricerca del suo personale”per sempre felici e contenti” …..

  2. Sto leggendo ora Cinder. Fa davvero sognare. È uno di quei libri che si vorranno rileggere all’infinito tanto è bello!

  3. Anche a me è piaciuto così tanto! Non vedo l’ora di leggere il seguito!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>